Villaggio Resta: eseguiti i lavori di costruzione della rete idrica

Inizieranno domani i sopralluoghi tecnici per il collaudo delle infrastrutture realizzate a servizio delle rete idrica al Villaggio Resta. I  lavori,  sulla base di un progetto redatto dal settore Lavori Pubblici del Comune e finanziati  con il  Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013  per  un importo di   € 600.000,00 erano stati appaltati lo scorso mese di aprile.

 Ultimati la scorsa settimana, i lavori realizzati consentiranno di ottimizzare le condizioni di permanenza  delle imprese agricole e forestali nelle aree rurali,  grazie al  miglioramento della dotazione  infrastrutturale e  all’uso sostenibile delle risorse idriche. 

Nei prossimi giorni sarà già possibile per i residenti presentare le domande di allaccio alla rete. 

Potrebbe così tornare a rivivere quello che un tempo fu un  esempio villaggio-comunità di coloni residenti in piccole abitazioni dotate di piccole strutture di servizi collettivi.

Una comunità che sopravvisse sino agli anni settanta e che per la mancanza di strutture al passo con i tempi  e con le dinamiche dell’economia della produzione, ha visto un lento declino anche per la mancanza di servizi essenziali quali quello della rete idrica.

Il nostro obiettivo “-  ha spiegato il sindaco Marcello Risi – “era quello di servire di rete idrica il villaggio fornendo così sia un servizio alle aziende che operano in tale zona dell’agro di Nardò  sia un servizio  per uso domestico, onde evitare ulteriori emorragie  di residenti.”

Il Comune di Nardò aveva partecipato, nel marzo 2012,  al bando pubblico presentando domanda di finanziamento per l’Azione 1 relativa alla richiesta di finanziamento per la realizzazione della rete idrica a servizio del Villaggio Resta.  E la  Regione Puglia, Area politiche per lo sviluppo rurale  aveva,  nell’agosto 2012, ammesso al finanziamento il progetto presentato dal Comune.

La giunta comunale il 27 settembre scorso ha, così,  varato il progetto redatto  per la costruzione della rete idrica al  Villaggio Resta per  un importo  complessivo di € 600.000,00

Ha quindi    adottato  formale impegno finanziario e  impegnato la somma di € 489.627,96 (finanziata dalla Regione Puglia con i fondi PSR PUGLIA 2007/2013 – Misura 125 – Azione 3 “Miglioramento e sviluppo delle infrastrutture connesse allo sviluppo e all’adeguamento dell’agricoltura e della silvicoltura” ) e la somma di € 110.372,03  quale quota parte di competenza del Comune.

 “ Oltre alla rete  nel Villaggio” –  aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Antonio Filograna –

sono state realizzati anche  alcuni tronchi idrici su traverse  delle strada provinciale 112 .  Qui saranno a breve  realizzate  anche due  piazzole di sosta con fontanine e arredo urbano.”

Il Villaggio “Resta” è una frazione rurale del comune di Nardò, ubicato lungo la Strada Provinciale 112, cosiddetta “Strada Tarantina” che collega Gallipoli ad Avetrana senza passare dal centro abitato di Nardò.

Il villaggio, sorto intorno agli anni ’50, è stato sede di un’importante azienda agricola di proprietà della famiglia Resta, da cui prende il nome, ed è stato un popoloso e attivo centro sino agli anni settanta.

 Ma è  già agli inizi degli anni ’30 che si prelude alla possibilità di modificare l’assetto economico sociale di Nardò attraverso progetti di colonizzazione. Le cause del malessere della società di allora furono dagli studiosi  individuate nell’errata conduzione della proprietà privata.

Complice  una relazione dello storico  E. Pennetta -pubblicata allora dal “Corriere del Salento”-  che nel 1933 fotografò la grave crisi occupazionale di Nardò, si cominciò a  discutere dell’opportunità di  incentivare forme di compartecipazione tra proprietari terrieri e  contadini con  la costituzione di cooperative di coltivazione cui dovevano accompagnarsi la bonifica dei terreni e la costruzione di strade e di case coloniche.

Negli stessi anni l’Istituto nazionale fascista della  previdenza nazionale ipotizzò – era il 1934 – un “progetto di colonizzazione interna così come si era fatto in Sardegna e si stava attuando a Tripolitania diretto ad eliminare le cause della disoccupazione tra i lavoratori della terra”. Cosi il prefetto Strano predispose un promemoria nel quale si elencavano le masserie in agro di Nardò( circa quattordici, per una estensione  complessiva di circa 2.300 ha) a rischio o già soggette a vendita giudiziaria e per le quali si indicava la soluzione del trasferimento ad altri della proprietà.

 Il progetto non trovò attuazione mentre si verificò solo il trasferimento di proprietà, anche  con crediti finanziari agevolati per gli acquirenti. Non ci furono modifiche significative tranne che per la masseria Corsari che fu acquistata da Marcello Resta  che costruì il villaggio “Starace”, con una comunità di coloni residenti grazie alla costruzione di abitazioni e di servizi collettivi.

Venendo ai nostri giorni, la distanza dal capoluogo Nardò (circa 7,00 Km) e la mancanza di servizi, compresa pure la rete idrica, ha portato al lento abbandono del villaggio da parte dei residenti, pur continuando con la coltivazione delle fertili terre della zona, in cui operano diverse aziende agricole di piccola e media dimensione. Sino ad oggi,  per le esigenze di acqua ad uso potabile, la località è stata  servita con autobotte, con tutti i disagi e costi immaginabili.

Per tutte queste aziende e per coloro che hanno voluto continuare a investire e a  vivere  nel Villaggio Resta i lavori ultimati  aprono  nuovi spiragli.

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus