Ultimate le riprese del cortometraggio “Finché c’è il mare” girato e ambientato a Nardò

Sono state ultimate da qualche giorno le riprese di Finché c’è il mare, un cortometraggio girato e ambientato (quasi completamente in esterni) nel Salento, tra Sant’Andrea di Melendugno, il centro storico e la stazione centrale di Nardò, Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e località Frascone. Si tratta di un lavoro prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia, la più antica scuola italiana di insegnamento, ricerca e sperimentazione in questo campo, in collaborazione con l’associazione culturale Nostos, con la giovane firma di Francesco De Giorgi, il 27enne regista originario di Monteroni, attivo nel settore pubblicitario e documentaristico, già al suo secondo cortometraggio (al terzo come producer). Con Finché c’è il mare De Giorgi ha intelligentemente saputo essere produttore di se stesso, sfruttando un piccolo budget e la strumentazione tecnica che il CSC gli ha messo a disposizione, nonché altre risorse reperite attraverso una campagna di crowdfunding e il sostegno di sponsor locali.

corto11 corto5 corto7

Nardò ha offerto dunque l’ambientazione e gli splendidi contesti, tra mare e paesaggio rurale, e anche il fatto che uno dei due protagonisti principali, Antonio, è neretino, così come la mamma Margherita. Il film riannoda i fili di una tragedia, raccontando la storia di due amici, Antonio appunto e Sandro, che non si parlano da quando un incidente sulla scogliera ha cambiato per sempre le loro vite. Sandro è costretto a vivere sulla sedia a rotelle e Antonio è andato a vivere a Milano per scappare dal dramma dell’amico. Ma un giorno capisce che deve tornare. Così il film racconta del giorno del suo ritorno e di un’amicizia che, nonostante tutto, non poteva finire. I temi sono quelli dell’amicizia e del “ritorno”, ma il film fornisce anche un’immagine inusuale del Salento. C’è infatti anche il tema della xylella, simbolo di una malattia che sta ferendo a morte questo territorio, ma che non è invincibile. Una trama che condensa sentimenti, emozioni e attese.
I protagonisti del film sono due attori salentini: Fabio Zullino, 30 anni, di Melpignano, e Giorgio Consoli, 34 anni, di Sava.
“Intanto – commenta l’assessore alla Cultura Francesco Planterafaccio un grossissimo in bocca al lupo a Francesco De Giorgi, giovane e bravo regista salentino che merita tutto il sostegno possibile che questa terra può dargli. Questo lavoro, peraltro, è un modo bellissimo per mettere in vetrina ancora una volta il Salento e Nardò in particolare. La nostra città si conferma location ideale per il comparto audiovisivo e per le produzioni cinematografiche in particolare, ne siamo fieri e asseconderemo con tutte le forze questa splendida virtù”. 
 Ufficio Stampa

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *