TRUFFA DELLA PALLINA. PRESO IN FLAGRANZA DI REATO IL TRUFFATORE MENTRE SI STAVA FACENDO CONSEGNARE DEL DENARO DA UN’ANZIANA. ARRESTATO DALLA POLIZIA

Questa mattina, una signora di 68 anni, si stava recando al mare con la sua auto percorrendo la strada del “ fondone” che porta a San Cataldo, quando ad un tratto ha sentito il rumore di un oggetto che colpiva la sua auto e subito dopo ha notato che una monovolume grigia, dietro di lei suonava insistentemente e l’uomo alla guida la invitava  a fermarsi lungo una strada laterale.

La vittima, appena possibile,  spaventata, si ferma lungo la corsia principale, mentre l’uomo si parcheggia in una stradina laterale. Il giovane , alto circa 1,70 cm, con capelli corti, carnagione olivastra e pizzetto, sceso dall’auto, l’ha invitata insistentemente a parcheggiarsi nella stradina, dicendo che la signora gli aveva danneggiato la fiancata dell’auto e che lei avrebbe dovuto riparare i danni. La signora stava per acconsentire, quando il passaggio provvidenziale di una volante lungo la strada, impediva la consumazione della truffa.

Random Posts

Gli agenti, infatti, insospettiti dalla presenza lungo la carreggiata dell’anziana e del ragazzo, e, soprattutto vedendo parcheggiata nella stradina laterale una Suzuki Ignis grigia, segnalata in occasione di altre truffe, hanno subito intuito che si poteva trattare della classica truffa del finto incidente  e si sono fermati.

Alla vista della Polizia, il giovane dichiarava che non era successo nulla e che potevano andare via, ma gli agenti gli chiedevano i documenti che lui sosteneva di non avere e forniva un nome falso.

A quel punto, gli agenti procedevano a perquisire l’auto trovando uno spray, della carta vetrata ed una carta d’identità con il vero nome del fermato che, vistosi braccato, iniziava a correre per le campagne, inseguito dai due agenti.

Una volta raggiunto e bloccato, veniva condotto in Questura dove si accertava che R. F. napoletano del’79, non nuovo a questo tipo di reati, aveva addosso circa 950 euro, probabilmente frutto di altre truffe messe a segno prima.

La signora accompagnata in ufficio per rendere denuncia accusava un malore, causato dallo spavento, e si rendeva necessario chiedere per due volte l’intervento del 118.

Al termine degli accertamenti R.F.    veniva arrestato e condotto in carcere con l’accusa di truffa aggravata e  resistenza, nonché indagato per false generalità.

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus