Teatro ed attività per i bambini con L’Adelfia a “Fuori Traccia”

     Continuano le attività nell’ambito di “Fuori Traccia” la manifestazione che si terrà nel capoluogo salentino dal 15 al 17 gennaio 2016 e promossa dal Dipartimento della Salute Mentale dell’Asl di Lecce. La cooperativa sociale onlus L’Adelfia ha stilato una ricco calendario di appuntamenti per la tre giorni. La bussola del teatro segna la rotta per la giornata di sabato. Il palcoscenico potrebbe sembrare la copertura della vita di molti, finanche della stessa realtà, ma è l’unica scena nella quale non si nasconde e non si camuffa la verità.
     Sabato 16 alle ore 17:30 al Castello Carlo V si potrà assistere alla perfomance dei minori del Centro Educativo Villa Ardena e Centro Diurno dedicato a Enosh, a cura di Salvatore e Rosario Surano, Simona Colella e Michele Renna in collaborazione con Alba Mediterranea  e AdelfiAutismo. Con una sorta di libro magico si racconta di noi, delle nostre difficoltà e delle conquiste, trasformandole in parole colorate capaci di far viaggiare i bambini nel mondo della scoperta, della curiosità. La scelta dei colori, del resto, è una forma di comunicazione alternativa che restituisce sempre qualcosa: l’emozione che in un lettore suscita il racconto. Anche i ragazzi a rischio ed i  giovani autistici saranno attori con “La vita controvento, tutti sulla stessa barca” per lanciare il messaggio di come la forza d’animo si raggiunge anche stando in gruppo, di come uniti si possa puntare un obiettivo comune, pur con le proprie diversità,  senza farsi corrodere dall’individualismo e dall’isolamento. Issare le vele verso nuovi orizzonti aiuta a capire la dimensione profonda di ciò che si vuol ottenere nella vita.
     Alle 18:30 al Teatro Paisiello si aprirà il sipario su Le lettere di Giacomo Leopardi” a cura di Elisa Cazzato e Maria Lucia Pellegrino, responsabili del gruppo teatrale Il Piccolo Instabile del Centro Diurno Don Tonino Bello di Andrano. In scena si intende restituire una prospettiva del poeta nella quotidianità degli affetti familiari e dei rapporti amicali.
     Alle 19:00 si torna al Castello Carlo V con lo spettacolo teatrale “La Cena”. Si tratta di un atto unico a cura di Margherita Franja per la regia di Fabrizio Saccomanno e Fabrizio Pugliese. Saranno gli ospiti in riabilitazione psichiatrica de L’Adelfia a prendere la parola, a raccontarsi recitando una parte di sé. Sul palco è come se stirassero le pieghe delle proprie emozioni, dei propri timori. La verità è sempre un’altra ed è semplice, alla ricerca di un abbracci con la vita. Intensi i pensieri di alcuni di loro che andranno in scena, come quello di Bea “… e poi ancora la comunità, la scatola chiusa. Qui a destra a sinistra, avanti indietro non ci sono che muri che bloccano il respiro. Qui anche se incollassi l’orecchio a terra, non sentirei il rumore del mare” o come quello di Lucia “io non ricordo niente, i ricordi me li hanno cancellati a suon di violino e martello”.
13 gennaio 2016

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus