SS275, CASILI (M5S) RICHIEDE AUDIZIONE: “ASCOLTEREMO I CITTADINI IN REGIONE. TROPPE OMBRE SUL PROGETTO.”

Dopo la censura dell’Anticorruzione al vecchio progetto di raddoppio, il lavoro di tre Procure, del Consiglio di Stato e del Tar, arriva l’audizione del Comitato 275 presso la Commissione Trasporti della Regione Puglia, su iniziativa del Consigliere Regionale del M5S Cristian Casili che si è già occupato della problematica.
Dopo anni di stallo, già nell’estate 2013 e poi nell’autunno dello stesso anno, il caso è stato portato dai pentastellati all’attenzione della Commissione Trasporti alla Camera e nelle interrogazioni al Ministro delle Infrastrutture: il risultato è stato quello di approfondire nel dettaglio un progetto anacronistico che per troppi anni era stato comunicato all’opinione pubblica come la lotta tra gli ambientalisti del “NO” e i visionari del “SI”. “Le cose tuttavia non stavano esattamente così – sottolinea Casili – il Comitato, infatti, non ha mai detto NO ad un intervento di miglioramento della viabilità, ma ha sempre espresso perplessità sulle modalità con cui erano stati condotti i lavori di progettazione, senza il coinvolgimento diretto del territorio e tra le stanze dei partiti e delle imprese. La stessa adesione estemporanea di alcuni sindaci negli anni passati a un progetto “preconfezionato” non è quello che noi intendiamo per partecipazione”.
Oggi il comitato è a favore di una riprogettazione dell’opera, con il raddoppio da Maglie a Montesano e la messa in sicurezza dell’esistente più a sud, ma il cuore del dibattito, più che sulle modalità di progetto, è incentrato sulla legalità: molte ombre sono emerse dall’approfondimento e dallo studio del progetto ed è necessario fare chiarezza. In particolare è necessario, secondo il consigliere pentastellato, chiarire come mai tale progetto sia stato affidato direttamente, attraverso una triangolazione (Anas, Sisri, ProSal), senza che la società di progettazione avesse le competenze e i requisiti. Inoltre sarebbe necessario comprendere come mai dopo avere incassato 5 mln di euro siano emerse numerose discariche tossiche mai menzionate, proprio sotto il tracciato del progetto.
“Se non fosse per il lavoro dei volontari, dei comitati e degli avvocati che hanno offerto il proprio contributo, – conclude Casili – oggi il vecchio progetto sarebbe già in opera, con tutti i disastri irreparabili che ne sarebbero conseguiti per il nostro territorio”.

21 marzo 2016

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus