PERSEGUITAVA LA EX CONVIVENTE . CONDOTTO IN CARCERE DALLA POLIZIA MENTRE ERA AGLI ARRESTI DOMICILIARI

A seguito di una serie di denunce, la prima delle quali sporta il 13 dicembre 2013 da una donna  che si era più volte recata in Questura per segnalare il comportamento persecutorio e minaccioso del compagno ,con il quale aveva da tempo deciso di interrompere qualunque rapporto, il personale della Squadra Mobile ha sottoposto alla custodia cautelare in carcere un quarantacinquenne leccese.
 L’uomo aveva costretto la ex convivente, con ripetute minacce e reiterate violenze, a modificare le proprie abitudini di vita ed a tollerare le sue condotte invadenti e persecutorie, creandole un perdurante stato d’ansia  e paura, ingenerando anche un fondato timore per la propria incolumità fisica e per quella dei propri familiari. Egli aveva anche inviato una missiva anonima dal carcere, ove si trovava recluso per la commissione di altri reati.
Tra i motivi del suo risentimento anche la circostanza di non aver visto le figlie durante i colloqui in carcere e, ritenendo che la causa delle mancate visite fosse riconducibile all’atteggiamento della compagna, l’aveva riempita di insulti in alcune missive inviate dal carcere, insulti che avevano anche coinvolto le figlie.
Gli insulti, le ingiurie e le minacce di morte  erano divenuti più frequenti a partire  dal dicembre 2014 allorquando era stato posto agli arresti domiciliari a poca distanza dalla casa della ex compagna. Non aveva risparmiato neanche le figlie per offendere le quali aveva anche utilizzato i social network.
I comportamenti persecutori e incivili si sono susseguiti per ben un anno e mezzo, nonostante la convivenza fosse stata interrotta dalla vittima da molto tempo; in una delle missive inviate dal carcere aveva persino macchiato il foglio con il proprio sangue, rivolgendo minacce di morte  direttamente alle figlie.
I gravi stati di ansia e di stress per l’incolumità propria e delle figlie, provati dalla vittima, venivano anche cristallizzati da un accertamento medico che attestava stati d’ansia e attacchi di panico, acuiti dalla vicinanza fisica tra il luogo della loro dimora e quello dove l’uomo era agli arresti domiciliari.
Il personale della Squadra Mobile che ha raccolto le denunce ha documentato con riscontri oggettivi (missive, foto, certificati) le condotte persecutorie poste in essere dall’indagato, in particolare le modalità ossessive utilizzate  dimostrano che egli ha agito con la volontà di controllare la vittima , anche attraverso il coinvolgimento di altri familiari, imponendo la sua presenza alla ex convivente ed alle figlie, non avendo accettato l’interruzione del rapporto sentimentale anche da parte di queste ultime, atteggiamento giustificato dall’aggressività del padre.
Il GIP  Alcide Maritati ritenendo fondato il timore per l’incolumità della donna e delle due figlie ha ritenuto necessaria la misura cautelare della custodia in carcere, considerando incompatibile la condotta assunta con gli arresti domiciliari , su proposta del PM Dr.M.Carducci.
24 aprile 2015

 

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus