Nardò, presentazione del candidato sindaco per il Polo dei Moderati, Antonio Vaglio

Quando ci si presenta per la quarta volta di fronte ai cittadini per chiedere il voto è bene spiegare le motivazioni che sono alla base della scelta e questo anche se le ragioni sono comprensibili e sono sotto gli occhi di tutti.
Nardò in questi anni non è cresciuta come avrebbe potuto e le ragioni vanno ricercate nelle scelte, a mio giudizio errate, fatte dal governo cittadino su molti fronti. D’altro canto, se le critiche più feroci all’operato del sindaco vengono proprio dai suoi ex collaboratori, ci sarà una ragione.
Prima di tutto giudico sbagliate le scelte operate in campo fiscale. Un aumento delle tasse assolutamente ingiustificato, al quale si sarebbe ben potuto fare fronte con la riduzione delle spese per la macchina amministrativa e con maggiore oculatezza nei contributi elargiti a pioggia e senza alcun criterio comprensibile. Se fino a qualche anno fa era infatti possibile accontentare qualsiasi richiesta di contributo da parte di associazioni, oggi è bene che i fondi siano utilizzati da buon padre di famiglia, senza che ci siano figli e figliastri.
Diverse cose sono state realizzate negli ultimi anni, ma al 90 % si tratta di iniziative intraprese durate il mio precedente mandato. Ma ciò che più di tutto mi ha convinto che era necessario accogliere le richieste di una nuova candidatura sono state l’indifferenza con cui l’Amministrazione ha supinamente accettato la cancellazione del nostro Ospedale, le imposizioni di discariche a pochi passi da noi e l’ormai quasi certa chiusura degli Uffici giudiziari. Non è così che intendo la politica al servizio della Città.
Ci vuole polso, ma soprattutto la libertà di agire, senza essere obbligati a chinare la testa per ragioni di partito. Sono sempre stato un uomo libero e sempre lo sarò, e combatterò per la mia Città con tutte le mie forze.
Di errori ne ho commessi tanti anche io, ma sempre e soltanto in buona fede. Oggi chiedo nuovamente fiducia alla mia Città e lo faccio con una nuova squadra, in cui rappresento la figura dell’allenatore che viene affiancato in gran parte da persone che non hanno mai amministrato e che non vedono l’ora di dimostrare il proprio valore. Ritengo di essere in grado di fare sintesi tra le nuove e diverse esigenze che vengono avanzate dai cittadini ed al tempo stesso garantisco, come sempre ho fatto, la certezza che nessuno potrà mai dire “ha sacrificato la sua Città in nome di ragioni politiche”. Non l’ho mai fatto né mai lo farò.
Amo Nardò ed il suo territorio, ed il mio impegno, come ho fatto in occasione della chiusura della discarica, sarà quello di tutelare la mia Città contro tutti i poteri forti ma al tempo stesso dare sostegno allo sviluppo dell’economia, unica formula per dare ricchezza a Nardò ed ai suoi cittadini.
Nardò, 09 aprile 2015       
ANTONIO VAGLIO

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *