Nardò-Nocerina: convalidati i provvedimenti del Gip per 4 tifosi del Lecce

Nel pomeriggio di domenica 16 ottobre 2016, alle ore 15.00, presso lo stadio comunale di Nardò (LE), si disputava l’incontro di calcio “NARDO’-NOCERINA”, valevole per il Campionato di serie D, girone H.
Al termine della gara, nell’ambito dei servizi di polizia predisposti dalla Questura di lecce per garantire l’ordinato deflusso degli spettatori dello stadio ed il rientro in sede dei tifosi ospiti e della squadra della Nocerina, un equipaggio del Distaccamento Polizia Stradale di Maglie, in servizio di vigilanza sulla S.S. 101 carreggiata nord, Tangenziale Ovest e S.S. 613, carreggiata nord, con il compito di garantire il regolare deflusso e rientro in sede sia della tifoseria ospite che della squadra della Nocerina, alle ore 17.30 circa, giunto al km. 23+300 direzione nord della S.S. 613 nel percorrere la rampa di uscita dello svincolo per Squinzano, notava ad una distanza di mt. 100 circa, una decina di autovetture ferme all’interno di un terreno agricolo, con numerose persone all’esterno delle stesse, che alla vista della pattuglia salivano a bordo e si allontanavano precipitosamente, e, benchè inseguite, riuscivano a far perdere le tracce. Gli Agenti tornati sul luogo in cui erano state avvistate le autovetture rinvenivano una sacca in tessuto di colore giallo, con manici e scritte di colore rosso, contenente nr. 6 lanciarazzi di segnalazione e una catena antifurto chiusa di circa mt. 0,80. Subito dopo sulle utenze di emergenza 112 e 113 erano giunte segnalazioni di cittadini circa la presenza di numerosi giovani che sostavano in prossimità dei cavalcavia ubicati sulla S.S. 613 Brindisi-Lecce, muniti di sciarpe e bandiere di colore giallo-rosso ed armati di bastoni e pietre. Pertanto, in considerazione della nota animosità che aveva in passato contraddistinto le tifoserie del Lecce e della Nocerina, che in altri contesti agonistici avevano manifestato comportamenti violenti e non escludendo che tifosi del Lecce si fossero appostati per portare a termine un’aggressione al pullman dei giocatori della Nocerina che di li a poco sarebbe transitato, gli Agenti in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Lecce venivano immediatamente inviati sui luoghi segnalati dove  in una strada laterale di campagna, prospiciente la S.S. 613 Lecce-Brindisi, individuavano un’ autovettura Renault Twingo, il cui conducente alla vista degli Agenti accelerava l’andatura imboccando la S.S. 613 in direzione di Lecce, e dopo aver  rallentato sulla rampa di uscita del cavalcavia si liberava, lanciandolo dal finestrino anteriore sinistro, di un bastone in legno di grosse dimensioni.
Gli Agenti della Volante attivati i sistemi di emergenza luminosi e sonori si ponevano all’inseguimento della Renault Twingo e dopo aver percorso circa due chilometri riuscivano a fermare l’autovettura su una piazzola di sosta e ad identificare gli occupanti, che con l’ausilio di personale della Digos della Questura di Lecce venivano riconosciuti per appartenenti alla tifoseria “Ultras Lecce”.
Inoltre nel luogo dove gli occupanti della Twingo erano stati notati dagli Agenti ed in particolare in corrispondenza della rampa di uscita del ponte Casalabate-Squinzano dove era stato lanciato dal finestrino anteriore sinistro della Twingo il bastone, si rinveniva un bastone in legno, di forma dritta, della lunghezza approssimativa di cm. 90 e diametro di cm. 5 e poi, nella stradina adiacente lo svincolo da dove era stata notata provenire la Twingo, si rinveniva un altro bastone in legno, di forma leggermente ricurva, della lunghezza approssimativa di cm. 80 e diametro cm. 4. Tutto il materiale rinvenuto veniva sottoposto a sequestro.
Al termine degli accertamenti di rito i quattro tifosi  di 25, 30, 33 e  39, anni, tutti salentini, venivano denunciati in stato di libertà, per i reati di cui all’art. 7 ter L. 401/89 e successive modifiche e art. 4. L. 8.04.1975 nr. 110. In seguito ai fatti, il 6 febbraio 2017 il Questore di Lecce ha emesso nei loro confronti, che già in passato si erano evidenziati per condotte violente nell’ambito di manifestazioni calcistiche e quindi  già destinatari  di provvedimenti d.a.spo., un provvedimento di divieto di accesso tutti gli stadi e campi sportivi del territorio nazionale dove si svolgono campionati o incontri di calcio di serie A, B, Lega Pro, Lega Nazionale Dilettanti e di campionati minori, Coppe Nazionali ed Internazionali, nonché incontri della Nazionale Italiana di calcio, per la durata di anni cinque, con divieto di accedere, per lo stesso periodo di anni 5, alle zone circostanti lo stadio comunale “E. Giardiniero” di Lecce e lo stadio comunale “Giovanni Paolo II” di Nardò, a partire da due ore prima dell’inizio a due ore dopo la conclusione di ogni incontro ufficiale di calcio ivi disputato, rispettivamente, dalla squadra del “LECCE” e dalla squadra del “NARDO’” e di accedere, in tali circostanze e per lo stesso arco temporale, ai luoghi interessati alla sosta, al transito o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle manifestazioni medesime. I predetti provvedimenti sono stati  in questi giorni convalidati dal GIP presso il Tribunale di Lecce nella parte in cui si prescrive ai quattro tifosi  di comparire presso gli Uffici di polizia in concomitanza con lo svolgimento di specifici incontri di calcio.  

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus