Nardò, M5S: l’Assessore Francesca De Pace faccia chiarezza!

Rispondiamo alle ultime dichiarazioni rilasciate dall’Assessore De Pace circa la questione sulla ecotassa, sollevata in questi giorni da noi e altre forze politiche cittadine.
Dalla lettura del suo ultimo comunicato rileviamo tante (troppe) inesattezze.
Anzitutto l’Assessore deve fare riferimento ai vigenti termini di legge (ecotassa minima con RD maggiore del 65 % o differenziale novembre 2014-giugno 2105 maggiore del 5% oltre agli altri criteri di premialità), consultabili sul sito www.rifiutiebonifica.puglia.it/datipercomune.php della Regione Puglia.
Nella sua disamina favolistica, la De Pace accomuna Nardò a Melpignano per quanto concerne l’ecotassa, la raccolta differenziata e il ciclo dei rifiuti. Magari ci verrebbe da dire, poiché il Comune di Melpignano non pagherà l’ecotassa, in quanto la raccolta differenziata è di gran lunga superiore al 65%. Difatti la media stimata nel 2015 è di 70.50% contro il 20%, scarso, raggiunto dal Comune di Nardò.
Affermare poi che non ci saranno aumenti in bolletta, in quanto sono previsti nel “Piano finanziario” interventi di contenimento dell’ecotassa, è poi la ciliegina sulla torta. Detti fondi, che saranno dirottati per coprire l’ecotassa anziché di essere spesi per altre opere o misure necessarie, non saranno forse proventi dalle tasse e quindi dei cittadini di Nardò? Con un gioco di parole, forse con l’intento fuorviante, l’Assessore dice che i soldi non verranno presi in contanti dalle tasche dei cittadini di Nardò ma semplicemente dal loro conto in banca (sic!).
Sono anni che il Movimento 5 Stelle parla di compostaggio collettivo e strategie Rifiuti Zero ma i nostri amministratori sembrano accorgersene solo ora. Soluzioni, queste, che con un minimo di lungimiranza e capacità amministrativa avrebbero potuto realizzare in questi cinque anni di sciagurato governo cittadino.
Rispondiamo, come sempre, a maldicenze senza costrutto con dati chiari e controllabili da tutti i cittadini sui siti istituzionali.
Con una cosa concordiamo con l’Assessore all’ambiente: “… che la distorta informazione che viene resa ai cittadini da chi è abituato a fare “la vecchia politica” penalizza i cittadini stessi”.
Assessore, segua l’esempio che (solo) ultimamente altri suoi ex colleghi hanno intrapreso: Si dimetta!
www.rifiutiebonifica.puglia.it
Massimo De Marco
Agrosi Giovanni
Daniele Orlando
Andrea Rizzo

15 ottobre 2015

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *