Nardò, Lorenzo Siciliano: “Vergognoso il fenomeno degli ombrelloni e delle sdraio permanenti”

“La vicenda degli ombrelloni lasciati piantati sulla spiaggia pubblica come segnaposto per il giorno dopo rappresenta una vergogna senza precedenti. Appropriarsi di un pezzo di spiaggia, negando la possibilità ad altre persone di poter fruire di un bene comune rappresenta non solo un reato, ma una “biglietto da visita” pessimo per la nostra costa. Per tutto questo,  in qualità di Consigliere comunale della Città di Nardò, ho inviato una segnalazione alla Guardia Costiera di Gallipoli e al Comando della Polizia Municipale di Nardò per chiedere ad entrambe le forze, ognuna per la propria competenza, di far si che il fenomeno degli ombrelloni permanenti venga radicalmente debellato attraverso una costante vigilanza delle spiagge di S. Isidoro, Frascone, Torre Squillace e Santa Maria al Bagno (le foto raffigurano le quattro spiagge). Spiagge che, come anche è stato denunciato da diverse decine di cittadini, nei giorni scorsi sono state letteralmente invase da ombrelloni e sdraio 24 ore su 24 a servizio di intere famiglie che pensavano, e continuano a pensare evidentemente, che spiaggia e mare siano beni privati ad uso e consumo di chi arriva prima a piantare un ombrellone.”
Lorenzo Siciliano 
Consigliere comunale Partito Democratico, 20 agosto 2016

Santa_Maria_al_Bagno

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus