Nardò: l’assessore Plantera fa il bilancio delle stagioni di prosa e concertistica.”La città ha fame di cultura e di eventi”

“Sono due cose molto diverse ovviamente, ma che hanno avuto un successo che va oltre le aspettative. Ne ero certo, ma ho avuto una ulteriore conferma del fatto che questa è una città che ha fame di cultura e di eventi, di cose fatte bene, a teatro come nella musica”. È l’assessore alla Cultura Francesco Plantera a tirare un bilancio delle stagioni invernali di prosa e di musica concertistica del Comune di Nardò, che si sono chiuse rispettivamente sabato e domenica, due rassegne con riscontri eccellenti in termini di partecipazione e gradimento del pubblico.
Sulla stagione di prosa – continua Plantera – rivendico scelte votate alla qualità e non alla quantità come in passato. Qualche serata in meno, ma tutte di alto livello, come gli stessi artisti mi hanno confermato. Così come rivendico il fatto di aver deciso di mettere il teatro alla portata di tutti, con prezzi di biglietti e abbonamenti ritoccati al ribasso e senza alcun odioso ingresso di favore, come invece è sempre accaduto. Siamo stati premiati dai numeri, sold out ognuno dei sei spettacoli, e dal plateale gradimento del pubblico. Sono contento anche per aver incassato la gratitudine degli artisti, piacevolmente sorpresi dalla città e dall’accoglienza e tutti pronti a tornare in vacanza già nei prossimi mesi. Senza saperlo abbiamo guadagnato prestigiosi testimoni – da Cristicchi ad Arena, da Ghini a Pannofino – della bellezza di Nardò e del suo territorio. E una citazione la merita anche “Piccoli sguardi”, la rassegna domenicale per famiglie che in sei appuntamenti tra la magia e il sogno ha incantato centinaia di bambini.

in foto il Teatro Comunale di Nardò (Le)

prosa nardò teatro comunale 6

La stagione concertistica – continua Plantera – è stato un fatto praticamente inedito, non nel prodotto, ma nell’aver messo insieme una stagione vera e propria, seppur di quattro serate. Anche qui appuntamenti graditissimi e molto partecipati, con i quali in due occasioni su quattro abbiamo portato la musica nella nostra bellissima cattedrale. Musica sacra, arie d’opera, le colonne sonore dei film e la musica mistica, un assortimento vario e di grande impatto. Abbiamo beneficiato della eccezionale bravura dei musicisti dell’Orchestra da Camera di Lecce e del Salento, grandi professionisti che sono passati da prestigiosi palcoscenici nazionali e internazionali.
Ci sono tutti i presupposti per fare in estate, naturalmente all’aperto, un grande evento teatrale e un altro appuntamento di musica concertistica squisitamente dedicato alla lirica e alle sinfonie, nell’ambito del nostro cartellone estivo. È un bilancio estremamente positivo – conclude – che mi incoraggia a cercare nuovi percorsi di crescita e a rendere sempre più familiari e, per così dire, “frequenti” la cultura e gli eventi nella nostra città”.
Ufficio Stampa

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *