Nardò: la Corte dei Conti chiede chiarimenti al Comune di Nardò sui rendiconti di gestione 2013 e 2014

Di Antonio Tondo
NEI BILANCI DI RISI MOLTA POLVERE SOTTO IL TAPPETO
La Corte dei Conti chiede chiarimenti al Comune di Nardò sui rendiconti di gestione 2013 e 2014, giudicando “inattendibile” la gestione finanziaria di quegli anni. Il commento del presidente della Commissione Bilancio Antonio Tondo

in foto  Marcello Risi e Antonio Tondo

Marcello Risi

antonio tondo

In questo momento la priorità è sciogliere i dubbi della Corte dei Conti e tutelare gli equilibri finanziari del Comune e sono convinto che questa amministrazione fornirà anche questa prova supplementare di capacità. Però è chiaro che da un punto di vista politico si sciolgono come neve al sole tutte le prodezze narrate dall’ex sindaco e dai suoi compagni di viaggio. Senza entrare in questioni molto tecniche, emerge la faciloneria preoccupante con cui Risi ha guidato il Comune di Nardò per cinque anni. Del resto, è la Corte dei Conti a certificare come “inattendibile” la gestione finanziaria della vecchia amministrazione, noi al massimo ci siamo sforzati negli anni di evidenziare gli aspetti più critici e soprattutto quelli “visibili”. Perchè la sensazione, netta, che abbiamo oggi è che si sia messa molta polvere sotto il tappeto.
Antonio Tondo
Presidente Commissione Bilancio Comune di Nardò

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus