Nardò, Annalisa Cuppone: ” Servono coraggio e responsabilità per reagire ad una crisi che non è solo economica, ma anche etica. Riscopriamo i valori che si sono persi con il progresso, non abbiamo bisogno di estremismi o ribellioni, ritroviamo solo il senso civico smarrito ormai da tanti.”

Mi occupo da anni delle politiche del lavoro e chi più di me, per il ruolo che rivesto, ha vissuto e subito la crisi che ha devastato tantissime aziende del tessuto neritino. I piccoli artigiani ed i commercianti sono quelli che hanno subito piu degli altri. Nulla è stato fatto per incentivare e sostenere le nostre aziende. Lo sviluppo è fermo e se non puntiamo ad un rilancio dell’economia locale, attraverso il turismo, l’artigianato e l’agricoltura, non solo i nostri giovani, ma anche molti di noi saranno costretti a trovare lavoro fuori. Non possiamo piu perdere le nostre eccellenze.  Non possiamo piu permettere che la mancanza di lavoro intacchi la Famiglia.
La domanda ricorrente è: dove sono le istituzioni?
Nardò ha bisogno di freschezza e di una ventata di energia positiva, energia che dobbiamo trasferire ai nostri figli. Loro rappresentano il futuro della nostra città, DOBBIAMO RISCOPRIRE LA VOGLIA DI SOGNARE, DI REALIZZARE E DI VEDERE INNAZI A NOI UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA E SVILUPPO.
Con la mia candidatura mi sento di rappresentare tutte le donne della mia città  che con coraggio hanno deciso di mettersi al servizio della politica con tanto impegno. Donne non siamo diverse, siamo solo speciali perché possiamo e riusciamo ad essere mamme, mogli, figlie, lavoratrici. Vogliamo più diritti, più opportunità. Abbiamo bisogno di credere ancora nel futuro, desideriamo certezze e non possibilità, abbiamo bisogno di coraggio e non di scuse.
Parlo da donna e da madre, che vive da anni il mondo del lavoro, con ambizione e convinzione che anche una donna, pur con mille difficoltà, può riuscire, laddove sino ad ora solo l’uomo poteva.
Oggi ci sono le soluzioni per guardare al futuro senza sotterfugi, basta ritrovare l’entusiasmo nel lavoro, ed il mio compito sarà quello di portare la mia umile esperienza, al servizio di tutti; voglio farmi portavoce di idee e progetti per il futuro dei nostri figli, e con l’ausilio di una squadra che crede nello sviluppo del territorio tutto questo è realizzabile. 
Voglio una Nardò che guarda all’interesse collettivo, perche le azioni e le decisioni di ciascuno di noi hanno conseguenze sugli altri. 
Servono coraggio e responsabilità per reagire ad una crisi che non è solo economica, ma anche etica. Riscopriamo i valori che si sono persi con il progresso, non abbiamo bisogno di estremismi o ribellioni, ritroviamo solo il senso civico smarrito ormai da tanti.  
Il 5 giugno dammi la tua fiducia.
Annalisa Cuppone 2 giugno 2016

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *