Marcianise, altro show: Bisceglie ko

Di Achille Talarico, 1 febbraio 2016
MARCIANISE – Il Marcianise batte il Bisceglie e prosegue nel sul momento positivo grazie al quinto risultato utile consecutivo conservando l’imbattibilità nel 2016, in coincidenza con l’inizio del girone di ritorno. Contro i nerazzurri decide un rigore trasformato da Sorrentino nel primo tempo. Al ‘Progreditur’ è un monologo gialloverde col punteggio che poteva essere ben più largo se solo i padroni di casa avessero sfruttato tutte le occasioni costruite. Così facendo i pugliesi riescono a restare in partita fino all’ultimo secondo pur senza fare un tiro in porta. Mister Campana ritrova Zeoli tra i pali e in attacco schiera il tridente con Farriciello punta e Sorrentino e Moccia sugli esterni. Linea di centrocampo con Baratto, Conte e D’Anna, in difesa  Follera e Lagnena centrali con capitan Ciano e Fossa sugli esterni. La partita è un monologo del Marcianise: D’Anna sfiora il vantaggio già al 6’ su perfetto schema da corner ma Vicino è fortunato nella respinta con la gamba. Follera ci prova due volte: la sua zampata al 17’ esce di pochissimo, mentre il colpo di testa un minuto dopo su perde sopra la traversa. Al 26’ splendida azione gialloverde: Farriciello serve Sorrentino che calcia al volo in corsa spedendo la palla alta di un niente. Al 40’ Lubrano trattiene per la maglia Farriciello, l’arbitro fischia il rigore – il primo stagionale per il Marcianise – che Sorrentino trasforma spiazzando Vicino. Il Bisceglie non si vede mai nonostante nella ripresa provi ad alzare il baricentro, ma continua a non creare occasioni. Dall’altro lato si registra il destro di Baratto, il portiere ospite blocca a terra, mentre la botta di Ciano è forte ma imprecisa. Sono i padroni di casa a tenere il Bisceglie in vita fallendo più volte il raddoppio: al 37’ è prodigioso Vicino che alza in corner un sinistro a giro di Moccia destinato all’incrocio. Al 42’ altra chance sprecata con Moccia che gira fuori da dentro l’area dopo una bella manovra corale. Nel finale il Marcianise non sfrutta un paio di ripartenze e così deve soffrire fino all’ultimo secondo dei tre minuti di recupero quando un cross di De Vivo crea scompiglio in area gialloverde per una serie di rimpalli. Al triplice fischio finale, però, è festa solo per il Marcianise.
Progeditur Marcianise-Bisceglie 1-0
  1. MARCIANISE: Zeoli, Ciano, Fossa, Conte, Follera, Lagnena, Sorrentino (25’ st Santaniello), Baratto, Moccia, D’Anna (16’ st Lopetrone), Farriciello (37’ st Barone V.). A disp.: Barone M., Rossetti, D’Apolito, Palumbo, Valoroso, Figliolia. All.: Campana.
BISCEGLIE: Vicino, Lubrano, Saias, Fanelli (29’ st Loconte), Ola, Aprile, Khalil (16’ st Pizzutelli), Ngom, Lorusso, De Vivo, Lancellotti (9’ st Guglielmi). A disp.: Leo, Lamorte, Ivone, Rubino, Stranieri, Marra. All.: De Luca.
ARBITRO: Loffredo di Torino. Assistenti: Cortese di Palermo e Bruno di Palermo.
MARCATORI: 40’ pt rig. Sorrentino (M).
NOTE: spettatori 150 circa. Ammoniti: Baratto (M), Khalil (B), D’Anna (M), Conte (M), Ngom (B), Lorusso (B). Rec.: 1’ pt, 3’ st.
SPOGLIATOIO
L’ALLENATORE ROSARIO CAMPANA – “Un’altra partita vinta con grande sofferenza ma non perché l’avversario ci ha messo in difficoltà. Chi legge questo risultato magari può pensare che siamo una squadra che fa il ‘golletto’ e poi tutti dietro. No. Noi siamo una squadra che cerca di produrre sempre gioco ma poi purtroppo spesso ci manca il guizzo finale che in passato non ci ha consentito di fare un percorso che poi è quello che stiamo facendo in questo girone di ritorno. Serve migliorare, perché dobbiamo chiudere la gara altrimenti poi gli avversari si lamentano senza fare un tiro in porta. E questo fa male: giocare solo in contropiede e magri buttare palla in avanti è molto semplice. Noi, invece, proviamo sempre a ‘cucire’ e a giocare: c’è rammarico che il ‘pathos’ potrebbe finire molto prima se concretizzassimo tutto ciò che produciamo. Sono contentissimo del risultato per i ragazzi, soprattutto per quelli che non hanno la possibilità di darci una mano perché vanno in panchina o in tribuna. Nel 2016 abbiamo recuperato gli infortunati, bisogna considerare che questa è una squadra  tutta nuova: escluso qualche giocatore che c’era dall’anno scorso questa è una squadra che doveva trovare un po’ di amalgama. Credo che se riusciamo a far innamorare il pubblico di Marcianise questa è una squadra che può dare grandi soddisfazioni. Se avessimo avuto il nostro pubblico sono convinto che avremmo avuto qualche punto in più: noi ci stiamo provando in tutti i modi a farli ‘innamorare’ di noi, speriamo che dalla prossima partita in casa ci diano una mano venendo allo stadio”.
CAPITAN MICHELE CIANO – “Tre punti fondamentali, oggi ha prevalso la voglia di voler vincere. Sono contento per me, per la squadra, per lo staff e per la società. Stiamo facendo bene e dobbiamo continuare su questa strada. C’è la consapevolezza che siamo una grande squadra, tutto il marcio che abbiamo subito nel 2015 lo stiamo trasformando in rabbia e determinazione agonistica. Mai abbassare la guardia: questo è un campionato difficilissimo dove basta un solo passo falso per tornare indietro. Ora pensiamo già a domenica prossima, dove ci attende un altro match difficile: noi dobbiamo poensare partita dopo partita per giocarcela fino alla fine”.

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *