LUIGI D’ELIA PRESENTA “CAMMELLI A BARBIANA” La Stagione teatrale di Comune di Lecce e Teatro Pubblico Pugliese, ospita un doppio appuntamento, a cura di Factory Compagnia Transadriatica, dedicato a Don Lorenzo Milani, prete, maestro e uomo

Giovedì 22 febbraio a Lecce, per la Stagione teatrale di Comune di Lecce e Teatro Pubblico Pugliese, doppio appuntamento, a cura di Factory Compagnia Transadriatica, dedicato a Don Lorenzo Milani, prete, maestro e uomo. Dalle 17.30 (ingresso libero) alla Libreria Liberrima l’attore Luigi D’Elia e l’assessora alla cultura del Comune di Lecce Antonella Agnoli presenteranno il volume “Cammelli a Barbiana. Don Lorenzo Milani e la sua scuola“. Alle 20.30 (ingresso 6 euro) sul palco del Teatro Paisiello, D’Elia sarà in scena con l’omonimo spettacolo per la regia di Fabrizio Saccomanno. Il volume riproduce, infatti, il testo del monologo teatrale scritto a quattro mani da D’Elia e Francesco Niccolini. Prodotto da Thalassia – Teatri Abitati, distribuito e messo in scena da Inti, lo spettacolo si avvale della collaborazione della Fondazione Don Lorenzo Milani e del Festival Montagne Racconta.

Cammelli a Barbiana è la storia di una scuola nei boschi, dove si fa lezione tra i prati e lungo i fiumi, senza lavagna, senza banchi, senza primo della classe e soprattutto senza somari né bocciati. Lassù c’è tutto il tempo che serve per aspettare gli ultimi.  Una storia raccontata da Luigi D’elia, un artigiano della narrazione e un educatore ambientale. Luigi D’Elia, con i bambini, i ragazzi e le maestre ci lavora da oltre quindici anni tra la natura e i banchi di scuola. “Cammelli a Barbiana” è un racconto a mani nude, senza costumi e senza scena. Un racconto duro, amaro, ma allo stesso tempo intessuto di tenerezza per quel miracolo irripetibile che è stato Barbiana, e con tutta la sorpresa negli occhi di quei ragazzi dimenticati che, un giorno, videro un cammello volare sulle loro teste. Un ragazzo ricco, sorridente e pure bello. In lotta con la scuola e la sua famiglia. I domestici di casa lo chiamano “signorino”, e a lui non va giù. Ma è un figlio di papà che mentre i ragazzi della sua età vanno a combattere per Mussolini, studia da pittore. Eppure, sotto le bombe dell’estate del ‘43 lascia la sua bella e comoda vita per farsi prete, senza immaginare che da lì a una decina d’anni verrà esiliato in mezzo ai boschi dell’Appenino toscano dalla sua stessa Chiesa. Ma proprio lassù questo ragazzo ricco, sorridente e pure bello darà vita – con pochi ragazzi di mezza montagna – al miracolo della Scuola di Barbiana, diventando il maestro più rivoluzionario, dinamitardo e rompicoglioni del dopoguerra italiano: don Lorenzo Milani. Il libro, corredato da materiale fotografico, include anche testi di Manuela Correros Verbitsky, autrice della prefazione, di Sandra Gesualdi e dei due autori, Luigi D’Elia e Francesco Niccolini.

Ufficio Stampa Factory Compagnia Transadriatica

Società Cooperativa Coolclub

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus