ITALIA UNICA: LA REGIONE PUGLIA PREDISPONGA UN PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO CHE RISPONDA AI BISOGNI DEL TERRITORIO

Il Ministero della Salute  ha bocciato il piano di riordino ospedaliero approntato in questi giorni dalla Regione Puglia imponendo un  taglio netto dei costi del lavoro ed il rispetto delle norme dettate dalla legge di Stabilità. Ciò comporta di fatto un piano di rientro per ciascuno dei 38 stabilimenti ospedalieri pugliesi. Un fatto saliente emerso, che non deve passare inosservato e deve far pensare, è che il Governo ha riscontrato nel  piano proposto un numero insufficiente di ospedali di base, troppi quelli di primo livello(quelli con maggiori specialità) e buono l’equilibrio di quelli di secondo livello. E’ stato inoltre suggerito di redigere il riordino ospedaliero corredandolo della indispensabile rete di emergenza/ urgenza, che però dovrà essere progettata in sintonia con le previsioni che saranno fatta rispetto agli ospedali di base. Il Ministero della Salute di fatto nella sua valutazione è stato molto puntuale ed accorto perchè nelle prescrizioni ha evidenziato  le carenze e le storture sanitarie create negli ultimi dieci anni dal piano sanitario voluto dal Governo Regionale in carica in quel periodo. Il presidente Emiliano ha ora il compito di approntare un piano che risponda agli obblighi ministeriali ma che tenga conto dei bisogni del territorio riaprendo gli ospedali di base, creando una rete efficace,efficiente ed articolata di emergenza/urgenza e di razionalizzare  e qualificare la spesa per garantire una buona sanità pubblica a tutti i pugliesi.
Gregorio Dell’Anna coordinatore Italia Unica Provincia di Lecce
25 gennaio 2016

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *