Il Marcianise tiene testa alla capolista: altro buon punto In inferiorità numerica per un’ora i gialloverdi fermano sul pari la Virtus Francavilla

Di Achille Talarico, 15 febbraio 2016
MARCIANISE – Bella prova di cuore e di carattere del Marcianise, che ferma la capolista Virtus Francavilla e continua nella striscia di risultati positivi che stanno caratterizzando il girone di ritorno, in coincidenza con l’inizio del 2016. I gialloverdi giocano in dieci contro undici per un’ora ma nonostante l’inferiorità numerica costringono i pugliesi al terzo 0-0 di fila. Mister Campana, anche lui squalificato – in panchina il secondo Fumo – deve rinunciare al bomber Farriciello, che sconta il primo dei 4 turni distop inflitti dal giudice sportivo e a Lopetrone. Nel collaudato 4-3-3 iniziale c’è Zeoli in porta, capitan Ciano e Fossa terzini e Lagnena-Follera coppia di centrali. In mezzo al campo asse con Baratto, Conte e il rientrante D’Anna, in attacco Santaniello centravanti supportato da Moccia e Vincenzo Barone. I biancazzurri rispondono con la difesa e Picci-Masini di punta. In avvio ritmi subito alti: al 2’ cross di Ciano e colpo di testa di Barone centrale che Albertazzi blocca. La Virtus è pericolosa solo su calcio piazzato: Picci impegna Zeoli che alza in angolo. Al 7’ la prima grossa occasione per gli ospiti: sugli sviluppi di un corner Liberio trova Bartoli tutto solo sul secondo palo, Zeoli è prodigioso nella respinta da distanza ravvicinata. Al 10’ altro sinistro su punizione di Picci e palla che si stampa sulla traversa dopo che Zeoli la tocca quel tanto che basta per evitare il gol. Il Marcianise risponde con una zuccata di D’Anna alta. Al 28’ padroni di casa insidiosi con uno scambio D’Anna-Barone, il destro rasoterra dell’attaccante è debole. Al 34’ l’episodio chiave del match: Krasniqi commette fallo su Fossa e si becca il giallo. L’arbitro, però, vede un colpo proibito da terra del terzino gialloverde ed estrae il carellino rosso. Il Marcianise, però, non demorde: Santaniello lotta e fa la sponda per Barone che in rovesciata la spedisce sul fondo. In chiusura di tempo l’altra chance per la Virtus: traversone di Liberio, Picci di testa colpisce il palo. Nella ripresa subito dentro D’Apolito per Moccia: i pugliesi tengono palla ma nonostante l’uomo in più e gli inserimenti di giocatori offensivi come Mignogna, De Giorgi e Tundo non tirano mai in porta. Dall’altro lato il Marcianise fa esordire in campionato Palumbo, che rileva Lagnena infortunato – Baratto scala in difesa –  e Piscitelli (fuori Barone): entrambi disputano una signora gara contribuendo ad imbrigliare la manovra della capolista. Anzi, sono proprio loro due ad orchestrare insieme a Santaniello un contropiede che intorno alla mezzora porta alla conclusione D’Apolito. Tentativo dalla distanza anche di Ciano, sfera a lato. Gli ospiti praticamente non calciano mai ed entrano una sola volta in area con un tiro cross velenoso di Masini sul quale Picci non trova la zampata vincente a due passi da Zeoli. Sebbene 5’ di recupero resta lo 0-0, un risultato che consente ai gialloverdi di mantenere l’imbattibilità nel ritorno.
Progreditur Marcianise-Virtus Francavilla 0-0
P.MARCIANISE: Zeoli, Ciano, Fossa, Conte, Follera, Lagnena (12’ st Palumbo), Santaniello, Baratto, Moccia (1’ st D’Apolito), D’Anna, Barone V. (19’ st Piscitelli). A disp.: Barone M., Rossetti, Marullo, Masi, Figliolia, Sorrentino. All.: Fumo.
V.FRANCAVILLA: Albertazzi, Bartoli (21’ st Tundo), De Toma, Biason (26’ st De Giorgi), Taurino, Gallu (8’ st Mignogna), Liberio, Krasniqi, Masini, Galdean, Picci. A disp.: Spinelli, Vetrugno, Ricci, Giura, Turi, Risolo. All.: Calabro.
ARBITRO: Turchet di Pordenone.
NOTE: spettatori 100 circa con 20 tifosi ospiti. Espulso: 24’ pt Fossa (M) per gioco violento. Ammoniti: Baratto (M), Krasniqi (VF), Ciano (M), Conte (M), Santaniello (M), Bartoli (VF), Follera (M). Rec.: pt 2’, st 5’.
SPOGLIATOI
A fine gara mister Campana è soddisfatto per aver tenuto testa alla capolista nonostante l’uomo in meno: “E’ chiaro che per come si è messa la partita il risultato ci va bene, anche se c’è un po’ di rammarico perché proprio in base al valore della Virtus Francavilla mi sarebbe piaciuto giocarla in parità numerica per tutti i 90’. Credo che i ragazzi hanno contrastato bene quelle che potevano essere le armi dei pugliesi con l’uomo in più, non rinunciando ad attaccare, pur con azioni non determinanti, perché volevamo pungere. Nel primo tempo il Francavilla aveva un vento a favore che permetteva di recuperare più palloni sulla trequarti: l’avevamo preparata anche per il contropiede e per cercare di avere più spazio nelle ripartenze. Il nostro rischiare era una nostra volontà per avere più campo a disposizione: poi giocando con un uomo in meno, contro una corazzata come il Francavilla ci siamo adattati e siamo stati bravi ad interpretarla nel modo giusto. Il nostro portiere, nella ripresa, non ha compiuto alcun intervento. Nel girone di ritorno credo che abbiamo gli stessi punti del Francavilla: abbiamo recuperato qualche infortunato, poi questa è una squadra costruita per la maggior parte con elementi nuovi che avevano bisogno di amalgama. Ci sono i presupposti per fare bene di qui alla fine del campionato”.

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus