Habilita l’Arte

L’iniziativa nasce da un progetto di Paolo Marzano, Coordinatore del “Centro Studi Don Milani” di Nardò, con l’obiettivo di favorire una maggiore sensibilizzazione e promuovere maggiormente la condivisione del nostro prezioso centro storico, nell’ambito della divulgazione delle bellezze naturali, paesaggistiche e storico-architettoniche, sempre più convinto che questo ‘valore’ sia imprescindibile e necessario alla conoscenza, come fattore di crescita e costruzione quotidiana, del bene comune.
L’evento è condiviso dal Tavolo Permanente sull’Handicap di Nardò.
Una passeggiata nel borgo antico, dunque, per consentire a tutti di godere dell’immenso patrimonio, in termini architettonici ed artistici, rappresentato dalle chiese, strade e palazzi della nostra Nardò.
Un percorso guidato pensato anche per le persone con disabilità di qualsivoglia natura e per affermare, ancora una volta, che l’arte, gli spazi urbani, i monumenti e la storia che li ha determinati, sono patrimonio universale appartenente a ciascun cittadino, indipendentemente dalle diverse capacità di assorbire le mirabili bellezze che spesso neppure gli addetti ai lavori sanno apprezzare e valorizzare sino in fondo.

Un ‘tempo’ che ci prendiamo, dedicandolo alla città.
Un pomeriggio che farà bene … alla mente e al cuore di noi cittadini!

“HABILITA l’ ARTE” è un gioco di parole creato dal sottoscritto per mettere in relazione due termini corrispondenti ad un probabile “ossimoro”.
Di solito è l’ARTE che ABILITA e rende più attenti alle cose del mondo. HABILITARLA con l’ “H”, vuol dire invece cercare di aprire i suoi significati alle persone che magari hanno più difficoltà di “accedervi” e sono tante (è infatti a loro che è dedicato il pomeriggio), ma con la presenza (spero delle istituzioni) di tutti.
E’ un progetto che ha l’obiettivo di favorire una maggiore sensibilizzazione e promuovere maggiormente la condivisione del nostro prezioso centro storico, nell’ambito della divulgazione delle bellezze naturali, paesaggistiche e storico-architettoniche, sempre più convinto che questo ‘valore’ sia imprescindibile e necessario alla conoscenza, come fattore di crescita e costruzione quotidiana, del bene comune.
E’ dunque, un’iniziativa numero “0”, per dare vita ad un dibattito che conduca a confrontarsi ed a parlare dell’ ARTE nei luoghi, del suo MANIFESTARSI e del DIVENIRE, sapendola cogliere nel giusto modo …(attenzione !!! alla parola magica che cambia i paesaggi, il mondo e fa scappare i supponenti, i presuntuosi e gli arroganti che non aspetteremo) “CONDIVIDENDOLA”.

Invece, voi SI’, ore 16.00 arrivo, ore 16.15/16.30 inizia il racconto, puntuali però !

Paolo Marzano

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *