Festival Déco. Percorsi d’Arte in dimore storiche.Nardò Galatone Sannicola Alezio

Le scenografiche dimore delle Cenate di Nardò, le ville eclettiche e i palazzi di Galatone, fascino e mistero nelle ville di Sannicola e Alezio.  È questo l’itinerario proposto dal Festival Déco, la rassegna estiva che da dieci anni consente ad appassionati e cultori di conoscere ville e giardini che si concentrano sul versante jonico del Salento.  La Cooperativa Fluxus e il Centro Culturale Palazzo Leuzzi, grazie alla disponibilità dei proprietari delle dimore,  si prefiggono di far apprezzare  un patrimonio architettonico originale, edificato a partire dal ‘700, verso la fine dell’800 e fino ai primi del ‘900, quando la tendenza al “vivere in villa” si riaffermò con grande vigore. Che siano inserite in parchi mediterranei o “giardini di delizia”, le belle dimore sono l’espressione dell’estro dei progettisti dell’epoca, dell’abilità delle maestranze nel plasmare la pietra e di contesti sociali ed economici in cui ricche committenze davano sfoggio del proprio status senza snaturare o in alcuni casi contribuendo ad abbellire il paesaggio circostante. 
Lunedì  5, organizzato con la collaborazione dell’Amministrazione comunale, appuntamento a Galatone alla volta di ville eclettiche e palazzi ottocenteschi.  Dalla chiesa dei Cappuccini (raduno h. 17:15), sospinti da una lieve brezza che contraddistingue questi luoghi lievemente in altura, ci si sposta a piedi lungo la via che conduce a Gallipoli dove si susseguono le belle ville edificate fra la fine dell’’800 e i primi del ‘900. Dall’inconfondibile tetto in stile alpino, quasi un “esotico” chalet, Villa Dagmar è circondata da un piccolo giardino con due maestosi carrubi, censiti e vincolati dall’Ispettorato forestale.  Un trionfo di decori in pietra leccese plasmata dalle abili mani dello scalpellino Nicola Stapane, detto Billino, impreziosisce le Ville Malerba e Cataldo, oggi Nisi, riportata di recente al suo antico splendore e contraddistinta da una zoccolatura di sassi di mare provenienti dalla vicina S. Maria al Bagno.  Si prosegue con la visita della Villa Larini, oggi Spirito e della Villa Fusaro. Spostandosi nel centro storico, si schiudono le porte del Palazzo Arbia – De Paolo e di Palazzo Leuzzi, oggi anche accogliente B&B con il bel giardino chiuso ed eleganti sale affrescate.  La visita termina in questo contesto ospitale e raffinato con una degustazione.
Martedì 6 ci si sposta nell’entroterra di Gallipoli con una tappa fra le ville e i giardini di Sannicola.
Informazioni e prenotazioni ai numeri 0833572657 – 3804739285.  
www.salentofestivaldeco.it

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *