IL FASCINO DEI RELITTI STORICI, COMUNE DI NARDÓ E UNISALENTO INSIEME

Il Comune di Nardò e il Laboratorio di Monitoraggio dei Sistemi Costieri di Unisalento hanno effettuato una importante ricerca sui relitti storici affondati nelle acque neretine, eccezionali beni culturali e storici capaci di attrarre visitatori di ogni tipo, studiosi e appassionati e di “narrare” le vicende e i trascorsi di uomini e mezzi ormai scomparsi. I relitti, di fatto, giacciono oggi inesplorati in fondo al mare, ad eccezione delle “visite” di pochi subacquei muniti di specifici brevetti di specializzazione. Comune e Laboratorio, già firmatari di un protocollo d’intesa, hanno studiato un articolato intervento, che parte dalla raccolta di dati, passa dalla realizzazione di alcuni prodotti digitali e si conclude con la costruzione di repliche in modellismo navale di alto valore artistico e storico. A tale riguardo è stato simulato uno studio, della durata di sei mesi, che è culminato nella realizzazione di un modello di un barcone da trasporto del diciannovesimo secolo e di una sezione di una nave del diciottesimo secolo. Entrambi, assieme a materiali informativi ed esplicativi, sono stati presentati alla Notte dei Ricercatori, tenutasi nei giorni scorsi a Lecce e hanno riscosso un grande successo di pubblico, attirando anche interesse e consensi sia da parte degli operatori del turismo culturale che di vari istituti scolastici.

“L’obiettivo – dice l’assessore all’Ambiente e ai Musei Mino Natalizioè quello di continuare le ricerche avviate, perché siamo convinti sia fondamentale intanto approfondire gli aspetti storici e scientifici, ma anche diversificare ulteriormente l’offerta culturale della nostra città. Rilevo come sia molto importante la collaborazione con il Laboratorio e in generale con Unisalento, che si è già concretizzata con la recente approvazione di un progetto presentato nell’ambito di un Bando Regionale POR 2014-2020”.

“Il successo dei relitti alla Notte dei Ricercatori – aggiunge l’assessore alla Cultura Ettore Tollemetoè la prova ulteriore di come le emergenze culturali del territorio stiano diventando anche un importantissimo elemento di fruizione e quindi di sviluppo per la nostra città”.

“Questo è un esempio virtuoso di collaborazione tra enti – spiega il responsabile del Laboratorio, il professore Giuseppe Piccioli Restache dialogano e costruiscono assieme sapere e cultura. E di questo ringrazio il sindaco di Nardò Giuseppe Mellone. Dimostriamo come dei beni difficilmente fruibili diventino dei veri e propri attrattori culturali di prima grandezza, anzi di vera e propria eccellenza. Come dimostra il confronto che abbiamo realizzato con i materiali ospitati negli oltre 300 musei a tema, dalla Russia al Portogallo. È assolutamente opportuno, in un prossimo futuro, dare seguito alla ricerca attraverso la partecipazione a bandi per reperire risorse da investire in tale direzione”.

Taggato con: , ,

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus