Defribillatori: Se ne parlerà in un convegno venerdì 30 settembre, alle 15.30, a Palazzo Turrisi, a Lecce. Si punta ad attivare i dae in tutto il territorio provinciale

Da Lecce cardioprotetta a Salento cardioprotetto. E’ questo l’obiettivo al quale si sta lavorando per allargare sempre di più l’attivazione e l’utilizzo dei Dae (defibrillatori automatici esterni) sul territorio.
L’argomento sarà al centro di un convegno in programma venerdì 30 settembre, a partire dalle ore 15.30, a Palazzo Turrisi.
All’incontro – dal titolo Lecce città innovativa e futura – prenderanno parte il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone.
Dopo l’intervento dei due rappresentanti istituzionali – che servirà a focalizzare l’importanza del progetto per estendere la rete di defibrillatori a disposizione dei cittadini  – sarà la volta dell’assessore all’Innovazione Tecnologica, Alessandro Delli Noci e del dirigente del settore Raffaele Parlangeli che si soffermeranno su “I dati aperti per la crescita della città”; quindi sarà la volta del dottor Luigi Fuggiano, responsabile dell’Osservatorio sociosanitario del Comune di Lecce, che parlerà di “Lecce città cardioprotetta e disabili”.
Su “Lecce cardioprotetta e le imprese: agevolazioni per l’acquisto dei defibrillatori” relazionerà invece Salvatore Micati, commercialista e revisore legale.
A chiudere la manifestazione sarà Francesco Paolicelli, consulente OpenGov e OpenData che farà il punto su “Opendata e openstreetmap: quando i dati aperti governativi e comunitari diventano servizi per la cittadinanza”.
Nel giro di un anno e mezzo il Comune di Lecce – grazie anche alla campagna sulla defibrillazione precoce avviata dall’associazione “Gesti di vita” – ha dato vita ad una rete cittadina di defibrillatori a disposizione dei quartieri.
Fino a questo momento sono ben 91 le postazioni di Dae che sono state collocate sul territorio leccese. Un progetto fondamentale per cercare di salvare vite umane. L’arresto cardiaco, purtroppo, è la principale causa di morte in Italia. L’unico trattamento è la “defibrillazione precoce”. Per tale ragione, la realizzazione di una rete cittadina di emergenza che supporti il lavoro degli operatori 118 ed eviti Morti Improvvise o episodi di arresto cardiaco dall’esito invalidante, si pone come un impegno di grande valore umano e sociale.
Allo studio anche la possibilità di attivare alcuni presidi per dare la possibilità anche ai sordomuti e ai non vedenti di utilizzare i dae grazie ad un progetto realizzato dal dottor Luigi Fuggiano, responsabile dell’Osservatorio sociosanitario del Comune di Lecce, e sviluppato dall’ingegner Luigi Patrono della facoltà di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento.
 
L’intero evento – patrocinato da Comune di Lecce, Provincia di Lecce e Imprese di Puglia – porrà contare sulla traduzione Lis.
27 settembre 2016

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus