DEF. Addio a scontrini e ricevute. Potrebbe arrivare una stangata sull’Iva

Nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza (Def) 2014, viene indicato l’abbandono di scontrini e ricevute fiscali. L’ipotesi, le cui misure effettive per concretizzarla sono ancora da studiare, è legata al potenziamento di strumenti quali carte di credito e di debito e alla possibilità, per commercianti e partite Iva, di trasmettere telematicamente i corrispettivi.
In sostanza, il Governo intende combattere l’evasione fiscale rendendo la stragrande maggioranza dei pagamenti tracciabili e riducendo al minimo indispensabile l’utilizzo di contante. Di conseguenza, i controlli si ridurrebbero a pochi casi mirati.
Nel medesimo documento, non si esclude l’introduzione di una clausola di salvaguardia nella prossima legge di Stabilità; tenuto conto del peggioramento dei conti economici e della necessità di rinviare al 2017 il pareggio di bilancio, il Governo ha ritenuto necessario, per tranquillizzare i mercati e le istituzioni europee, prevedere un innalzamento delle aliquote Iva più basse che potrebbero determinare un costo di 12,6 miliardi nel 2016, di 17,8 nel 2017 e di 21,4 nel 2018.

FONTE:CGIA MESTRE

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus