Calcio, SerieD: Marcianise, pari al fotofinish

Di Achille Talarico 4 aprile 2016

Il Marcianise raddrizza nel finale una partita che non meritava di perdere e a Potenza trova il pari al 90’ mantenendo l’imbattibilità nel girone di ritorno: Santaniello si procura un rigore che Sorrentino trasforma per l’1-1 finale. Mister Campana (squalificato, in panchina il secondo Fumo) sceglie dall’inizio D’Apolito terzino sinistro, mentre a centrocampo opta per Lopetrone regista insieme a Baratto e D’Anna. Davanti tridente con Sorrentino e Moccia a supporto di Farriciello prima punta. Nemmeno un giro di lancette che De Stefano calcia sottomisura trovando la prodigiosa respinta di Zeoli. La risposta degli ospiti è affidata a una botta dal limite di D’Ann, traiettoria centrale. Nel primo tempo ritmi blandi e poche emozioni: corner di Simeri, Testardi schiaccia ma la palla termina sopra la traversa. Dal primo angolo del Marcianise nasce la conclusione di Ciano rimpallata dalla difesa lucana. Al 37’ azione prolungata gialloverde: ci provano prima Ciano e poi Farriciello, ma Napoli è attento. Ripresa di tutt’altro livello. In avvio tiro sbilenco di Ciano, Farriciello per poco non trova la zampata vincente. Conte rileva D’Anna. Al 18’ occasione Marcianise: Sorrentino trova Moccia sul lato corto dell’area di rigore il quale vede Baratto a rimorchio, tiro a lato da buona posizione. Nel migliore momento ospite arriva il gol del Potenza: lungo spiovente di Liccardi, Testardi salta più in alto di tutti e fa secco Zeoli con la sfera che s’insacca sotto l’incrocio. Sorrentino sfiora subito il pari raccogliendo in tuffo di testa il traversone di Ciano: Napoli compie il miracolo. Entrano Santaniello e Barone per Farriciello e Lopetrone. Fendente di Baratto dai venti metri, alto. Al 34′ il Potenza resta in dieci: rosso diretto a Simeri che rifila un colpo a Lagnena. In superiorità numerica è arrembaggio Marcianise: Lagnena calcia, Barone perde l’attimo buono per il tap-in vincente. Destro di Conte dal limite troppo centrale, poi è ancora Barone che gira di testa il cross di D’Apolito, ma Napoli è ben piazzato. Così, proprio mentre si alza il tabellone luminoso che segna 5’ di recupero Vaccaro affossa Santaniello in area e l’arbitro fischia il rigore: Sorrentino trasforma e regala il meritato pareggio al Marcianise.

Potenza-Progreditur Marcianise 1-1

 

POTENZA: Napoli, Puca, Liccardi, Giacinti (11’st Vaccaro), Esposito P. (25′ st Posillipo), Mautone, Vacca, Navas (34′ st Passon), Simeri, De Stefano, Testardi. A disp.: Di Costanzo, Lolaico, Martino, Esposito M. All.: Marra.

P.MARCIANISE: Zeoli, Ciano, D’Apolito, Lopetrone (28’st Santaniello), Follera, Lagnena, Sorrentino, Baratto, Moccia, D’Anna (11′ st Conte), Farriciello. (28’st Barone V.). A disp.: Barone M., Mangiapia, Palumbo, Fossa, Di Fiore, Figliolia. All.: Fumo.

ARBITRO: Centi di Viterbo. Assistenti Bartolomucci e Musumeci di Ciampino.

MARCATORI: 20’ st Testardi (P), 46’ st rig. Sorrentino.

NOTE: spettatori 800 circa. Al 34’ st espulso Simeri (P) per condotta violenta. Ammoniti: Liccardi (P), Ciano (M), Giacinti (P), De Stefano (P), Testardi (P), D’Apolito (M), Vaccaro (P). Rec.: 0’ pt; 5’ st.

 

MISTER ROSARIO CAMPANA “Abbiamo preso questo pari per i capelli, in una delle ultime nostre azioni. Il risultato è meritatissimo per quello che si è visto in campo. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, forse sul gol la mia difesa aveva il sole negli occhi su una traiettoria un po’ strana, anche se non si può prendere una rete da un cross con parabola così lenta. Questo è un campionato importante, che non ha nulla da invidiare ad una Lega Pro. Marra è un ottimo tecnico ed ha cercato di limitare quelle che sono le nostre qualità. Io, sapendo come gioca il Potenza, ho cercato di limitarlo anche se per la prima volta oggi ha messo tre punte dall’inizio. Alla fine ne è scaturita una partita con buoni spunti, con un gran caldo, forse noi siamo stati più pericolosi nelle azioni create, ma aver pareggiato al 90’ ha un gusto più saporito. A tratti è stata una partita gradevole, con belle trame di gioco. Noi venivamo da un importante impegno mercoledì scorso, dopo una pausa di quasi un mese. Oggi anche il caldo l’ha fatta da padrone, ma ritengo che al di là di quella che possa essere l’espressione dei singoli, Potenza e Marcianise stavano bene in campo e si sono annullate. Poi escono fuori i valori: noi siamo una compagine giovane, probabilmente creiamo tante palle gol ma negli ultimi venti metri ci perdiamo; il Potenza, invece, ha sfruttato una delle poche occasioni costruite, con Testardi che già partiva favorito per la sua statura. Abbiamo preso il gol nel nostro miglior momento, avevo fatto entrare anche un altro centrocampista di qualità proprio per cercare di tenere palla e poi affondare. E’ chiaro che non tutto ciò che si programma si realizza in campo”.

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *