“STATO DI CALAMITA’ NATURALE”: PERRONE SCRIVE AD EMILIANO. A LECCE SCUOLE CHIUSE ANCHE MARTEDI’

Il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, invita il presidente della Regione “ad attivarsi presso il Ministro delle Politiche Agricole”
Il sindaco di Lecce, Paolo Perrone ha scritto oggi una lettera al presidente della Regione Puglia per chiedere di “attivarsi affinché  il  Ministro delle Politiche Agricole riconosca lo stato di calamità naturale per le zone interessate dal maltempo”
Per suffragare tale richiesta il primo cittadino leccese ha ricordato che “in questi ultimi giorni il Salento e la Città di Lecce sono stati investiti da consistenti precipitazioni nevose che hanno causato gravi danni economici alle aziende agricole ed alle realtà produttive del territorio salentino”.

A causa del perdurare delle cattive condizioni meteorologiche tutte le scuole di Lecce di ogni ordine e grado (compresi asili nido e scuole materne) resteranno chiuse anche nella giornata di domani, martedì 10 gennaio, a tutela della privata e pubblica incolumità”.

La decisione è stata presa dal sindaco Paolo Perrone che ha firmato questa mattina un’apposita ordinanza.

“Le temperature molto basse registrate nella giornata odierna e la previsioni di un ulteriore calo della temperatura, con conseguenti diffuse gelate”, rischiano infatti di provocare notevoli disagi ad insegnanti, studenti e genitori di bambini e ragazzi che devono raggiungere le sedi scolastiche.

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *