Botti di Capodanno, Andrea Zacà : “Importante la prevenzione”

Il primo giorno di ogni anno si apre purtroppo con un “bollettino” non certo confortante, ovvero l’elenco delle persone ferite dai fuochi pirotecnici pericolosi, non autorizzati dalla legge. Ma anche una semplice stella luminosa maneggiata da un bambino con incoscienza può causare delle gravi ustioni. L’uso incauto dei fuochi d’artificio potrebbe produrre lesioni anche gravi come ustioni al viso e mani e danni alla vista e udito.

Tutti i prodotti pirotecnici, anche quelli vendibili liberamente ovunque, non sono destinati ai più piccoli. Vendere questi articoli ai minori di anni 14 è un atto perseguibile a norma di legge, e chi lo fa andrebbe denunciato.
Chi ha più di 14 anni può utilizzare soltanto i prodotti pirotecnici vendibili liberamente, mentre sono vietati quelli di quarta e quinta categoria, destinati esclusivamente agli adulti e per uso professionale. E’ vietata la vendita e la detenzione di qualsiasi prodotto pirotecnico privo di regolamentare etichetta e non riconosciuto dal Ministero dell’Interno.
Un prodotto a norma si riconosce per la presenza dell’etichetta che indica: il nome del prodotto, numero di protocollo e data con cui se ne autorizza il commercio, la categoria e le principali caratteristiche, una descrizione chiara e precisa delle modalità d’uso, la ditta produttrice, l’importatore e il paese di produzione. I prodotti pirotecnici fuori legge sono in genere pericolosi perché contengono quantità di esplosivo non regolamentate: spesso si tratta di veri e propri ordigni con notevoli capacità distruttive. Per acquistare prodotti a norma è consigliabile rivolgersi a punti vendita autorizzati.
Ecco qualche consiglio per utilizzare in modo corretto i “botti di fine anno” ed evitare che si trasformino in pericolose mine vaganti. 1. Non usare fuochi d’artificio di genere proibito (sono proibiti tutti quelli prodotti privi di etichette e dunque che non riportano il nome della ditta fabbricante, né le istruzioni per l’uso, né la scadenza) 2. Acquista solo fuochi consentiti e lascia che ad accenderli sia un adulto 3. Usa i fuochi d’artificio all’aperto lontano dalle persone e da materiali infiammabili 4. Non raccogliere i fuochi non esplosi che si trovano per strada: sono i più pericolosi perché difettosi e in più la miccia igroscopica rimasta esposta all’umidità è diventata super veloce 5. Non tentare di accendere i fuochi d’artificio che non si sono accesi al primo tentativo. Se non si accendono è indizio che sono difettosi e quindi pericolosi 6. Quando qualcuno usa i fuochi d’artificio tu riparati in un posto sicuro 7. Non fare esperimenti di nessun tipo 8. I fuochi d’artificio possono esplodere anche senza fiamma perché sono sensibili all’umidità, allo sfregamento e al calore 9. Non gettare e non indirizzare mai petardi o razzi verso le persone; 10. Non far esplodere mai petardi o razzi in bottiglie o dentro contenitori fragili, perché rompendosi potrebbero produrre pericolosi frammenti; 11. Evitare di trasportare materiale pirotecnico in macchina e di usare fiamme libere (accendini, fiammiferi, sigarette, ecc.) nelle vicinanze. 12. Nei casi dubbi, prima di acquistare il prodotto rivolgersi alle Forze dell’ Ordine.
Dodici piccole regole che, se rispettate, potrebbero limitare i danni causati ogni anno dai botti di Capodanno!
Andrea Zacà
Vice Presidente Ass. Guardie Difesa Ambientale

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus