BARI: CONSEGNATE 20 BICI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Sono state consegnate questa mattina le biciclette per il servizio cittadino di assistenza domiciliare rivolto alle persone anziane e non autosufficienti. Attraverso le due ruote acquistate nell’ambito del progetto finanziato dall’assessorato al Welfare, gli operatori socio-assistenziali dell’ATI vincitrice del bando pubblico – composta dalla cooperativa sociale Servizi Multipli Integrati (SMI), Consorzio Meridia e dalla cooperativa sociale GEA – potranno recarsi in tutti quartieri di Bari per garantire il servizio di assistenza domiciliare – SAD e l’assistenza domiciliare integrata – ADI, al via lo scorso 1° ottobre.
Sono venti le biciclette, omologate e dotate di caschetto, che circoleranno in città con flag identificativo del servizio SAD e ADI. L’idea progettuale, che non comporta alcun costo aggiuntivo per l’amministrazione comunale, nasce dall’esperienza delle cooperative coinvolte, che da oltre un decennio svolgono questo tipo di attività sull’intero territorio, ed è pensata per promuovere e sperimentare forme innovative di mobilità sostenibile.

consegna bici servizio SAD e  ADI 2 consegna bici servizio SAD e  ADI consegna bici servizio SAD e  ADI 1

“Le biciclette, che sostituiranno l’utilizzo delle automobili, saranno gli strumenti degli operatori socio-assistenziali impegnati da anni sul territorio cittadino in questa attività di tipo domiciliare – ha dichiarato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -. L’obiettivo è quello di arrivare nelle case degli anziani e delle persone non autosufficienti attraverso un’esperienza di mobilità sostenibile e un welfare on the road, riconoscibile e riconosciuto dai cittadini. Si tratta di un servizio molto richiesto e particolarmente efficace, rivolto a circa 250 cittadini grazie all’impegno di 50 professionisti. Queste persone vivono spesso la non autosufficienza in maniera problematica anche a causa di un contesto familiare molto precario. Pertanto puntiamo a offrirgli un’assistenza di tipo socio-sanitaria che allo stesso tempo li aiuti a rafforzare i legami sociali. Vogliamo che nessuno si senta isolato, a maggior ragione quando si tratta di persone fragili impossibilitate a muoversi autonomamente dalla propria abitazione”.

ufficio stampa comune di Bari

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *