BACINO DI ACQUATINA, IL RETTORE VINCENZO ZARA: «COMPETENZE SPECIFICHE DA CHIARIRE»

«Apprendiamo dalla stampa di una protesta programmata per domani dai residenti di Frigole a proposito della situazione del bacino di Acquatina. L’Università del Salento ha già avviato, da alcuni mesi, una interlocuzione sia con il Comune di Lecce che con la Regione Puglia, con l’obiettivo di identificare una soluzione congiunta alle problematiche del sito.
L’Università ha inoltre costituito un apposito gruppo di lavoro – coordinato dall’allora prorettore vicario professor Vittorio Boscia – per una disamina della situazione sia del bacino che del Centro Ricerche per la Pesca e l’Acquacoltura, ivi costituito. Tale gruppo di lavoro, oltre all’esame di vari aspetti connessi al bacino (tra cui la situazione dei finanziamenti progettuali, l’analisi delle specificità e delle potenzialità dell’area, d’interesse dei Dipartimenti dell’Università e delle realtà territoriali), ha partecipato a una conferenza di servizi con il Comune di Lecce oltre che a specifici incontri con l’Agenzia del Demanio dello Stato di Lecce e di Bari.
È emersa una situazione non chiara dal punto di vista delle specifiche competenze regionali, demaniali e comunali sul bacino, e il tutto è stato portato in discussione in sedute del Senato Accademico (giugno e luglio 2015) e del Consiglio di Amministrazione (settembre 2015) del nostro Ateneo. All’esito di queste riunioni degli organi, si è deciso di inviare una nota alla Regione Puglia per gli aspetti di competenza, e un’altra nota alla Capitaneria di Porto di Gallipoli, quest’ultima per sollecitare un sopralluogo richiesto dalla Direzione Regionale dell’Agenzia del Demanio dello Stato».
 Lecce, 2 ottobre 2015

Foto: quotidianodipuglia.it

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *