ARRIVANO GLI STREET BOULDERS

Sabato 28 dicembre, organizzata in collaborazione con l’associazione Salento-Verticale A.S.D., è in programma la prima edizione di una manifestazione sportiva destinata a diventare un riferimento nel sud Italia per tutti gli appassionati. Lo Street Boulder è una disciplina derivante dall’arrampicata sportiva e che consiste nello scalare architetture urbane secondo itinerari di arrampicata sulle strutture esistenti degli edifici che, in questo caso, sono stati individuati tutti nel centro storico. La manifestazione – presentata questa mattina a Palazzo Carafa – ha l’obiettivo di creare proficue sinergie tra le attività outdoor ed il territorio salentino, urbano ed extraurbano, al fine di promuoverne l’ambiente, sia quello naturale sia quello antropizzato. Sono 39 i “blocchi” previsti, a cominciare da piazza S. Oronzo per finire a Porta Rudiae. “Il senso di queste iniziative – ha spiegato il sindaco Paolo Perrone, presente in conferenza stampa – è quello di vivere sportivamente il nostro patrimonio paesaggistico rispettandolo e valorizzandolo adeguatamente. E’ un modo per far conoscere ai numerosi turisti che visiteranno Lecce in questi giorni i monumenti e le realtà architettoniche del capoluogo salentino”. Soddisfatto l’assessore alle Politiche Ambientali, Andrea Guido: “Abbiamo portato l’orienteering e la mountain bike a Rauccio, abbiamo organizzato un Mezza Maratona Nazionale che ha visto coinvolta una città intera, collaboriamo con diverse associazioni per la promozione del kite e del wind surf e seguiamo con attenzione diverse altre associazioni sportive dilettantistiche. Oggi abbiamo deciso di invadere le vie del centro storico con una manifestazione la cui organizzazione è costata molte ore di duro lavoro da parte del mio staff, vista la sua particolarità. Sono iniziative singolari ma che richiedono grandi forzi organizzativi. Il mio intento è semplicemente quello di promuovere ogni attività che può essere svolta all’aperto, nel pieno rispetto dell’ambiente, sia esso quello naturale sia esso quello urbano. L’attività della pubblica amministrazione deve essere finalizzata a consentire la migliore attuazione possibile del principio dello sviluppo sostenibile, per cui nell’ambito della scelta comparativa di interessi pubblici e privati gli interessi alla tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale devono essere oggetto di prioritaria considerazione. Il rispetto di norme e principi del “vivere comune”, la tutela dell’ambiente, la salvaguardia e l’uso razionale delle risorse di un territorio sono traguardi che per essere raggiunti necessitano il coinvolgimento di tutti. La tutela dell’ambiente passa anche attraverso le buone pratiche sportive, realizzate nel pieno rispetto di quei principi, di quelle regole e di quelle accortezze che tanto ci stanno a cuore e che mai ci stancheremo di promuovere”.

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *