Amministrative 2016: Aladino Aloisi presenta la propria candidatura

Da studente con la freschezza degli ideali, con la voglia di contrastare le ingiustizie , il desiderio innato di difendere le persone più deboli e la natura madre suprema, mi ritrovai, insieme ad un gruppo molto unito, a combattere varie battaglie sul territorio. La più dura tra queste fu certamente la guerra contro la lottizzazione di una bellezza naturale unica al mondo qual e’ ancora oggi considerato il Parco di Porto Selvaggio. L’ esaltante vittoria provocò tuttavia, una volta raggiunto l’obiettivo prefisso, la disgregazione del movimento studentesco . La conseguente diaspora, mi fece capire, a sua volta ,che la politica utilizza le forze e le idee per contrastare i propri avversari, ma quando le stesse raggiungono consensi tali da poter rappresentare un pericolo per coloro che le vogliono controllare si trasformano nell’immediato in un nemico da distruggere. Pertanto questi “Lupus” ricordando il “divide et impera” di romana memoria trovarono il mezzo per sciogliere questa marea nascente e la fecero confluire nei laghetti politici cittadini. Da allora ,
aladino aloisi
abbandonata qualsiasi lotta, ho lasciato che fossero gli altri a decidere il mio futuro e quello della mia città. I risultati di questa delega senza controllo che noi cittadini abbiamo fornito ai vari amministratori nel corso degli anni sono sotto gli occhi di tutti e non possono essere soggettivamente modificati: Porto Selvaggio, nonostante una pioggia di finanziamenti, abbandonato all’incuria ed agli agenti infestanti che lo stanno lentamente distruggendo ; Castellino una discarica che, secondo i sostenitori del progetto, doveva rappresentare una fonte di reddito per le casse comunali e di fatto una ricchezza per i cittadini, sino ad ora, ha regalato solo malattie, morte, inquinamento territoriale ed i danni più gravi sono ancora celati dai colpevoli silenzi dell’ omertà dilagante; l’ospedale S. Giuseppe Sambiasi , per anni fiore all’occhiello della sanità pugliese ( il solo reparto chirurgia ospitava degenti provenienti da tutta la regione) svenduto per un piatto di lenticchie ai politici di turno che si sono affacciati alle finestre cittadine per depredare il nostro territorio. Il lungo elenco dei misfatti, aggiornato agli ultimi eventi, trova ancora amministratori che accettano, chinando il capo, discariche di amianto e centrali biogas alle porte della città ; Il canale Asso oggetto di scarico, da parte di ventisette comuni salentini, di acque di reflui fognari e di altre derivazioni ma soprattutto di non chiara tossicità, termina il proprio percorso nella vora naturale che si colloca nella nostra periferia ed inghiotte questo torrente malsano portando i suoi veleni in falda e nel nostro mare come incerto recapito finale sotterraneo. Non soddisfatti dai disastri provocati sinora,con il protocollo d’intesa sottoscritto con Aqp per la realizzazione della condotta sottomarina, i nostri amministratori, continuano a sostenere progetti che nel resto d’ Italia hanno provocato solo danni all’ambiente marino , all’economia locale ed alla popolazione presente sui vari territori, senza valutare alternative che, in altre realtà a noi vicine, sono già state accettate dagli enti preposti al trattamento dei reflui urbani. Oggi ho deciso di dire “basta” a questo cattivo modo di amministrare la cosa pubblica e di mettere la mia persona a disposizione di un giovane gruppo “Riprendiamoci Nardò” deciso ad arginare questa deriva cittadina. Insieme in un unico coro formato da tantissime voci, espressione del dissenso cittadino , abbiamo scelto la figura del candidato sindaco Pippi Mellone come unico portavoce di questo malessere sociale. E’ un movimento slegato dalle logiche partitiche che racchiude nel cuore solo la crescita territoriale attraverso una sana amministrazione.Ci atterremo a delle regole semplici dettate dall’esempio del buon “Pater Familias” e grazie a queste governeremo portando benefici reali a tutta la cittadinanza. Il desiderio di “ Cambiamento” dovrà sorgere in ognuno di noi affinchè possa nascere una Nardò a misura d’uomo dove i cittadini traccino la strada e gli amministratori, attraverso il mandato ricevuto dal consenso, realizzino i progetti indicati dal popolo. Il nostro programma include questa volontà e noi faremo di tutto per seguire questa strada segnata e già intrapresa. Mi impegnerò in prima persona per veicolare finanziamenti su progetti che abbiano ricadute economiche immediate sul territorio evitando di sprecare risorse su cattedrali nel deserto , opere incompiute e progetti faraonici come negli anni sono risultate essere il nosocomio, il municipio ed altro ancora . Portero’ la mia squadra a guardare all’agricoltura come fonte di reddito , ridare qualità alle colture , creando delle nicchie di mercato, a discapito di quella produzione intensiva oramai preda dei gruppi finanziari e destinata ad essere sconfitta dalle più competitive importazioni provenienti da paesi dove i diritti dei lavoratori vengono calpestati .
banner pubblicitario amministrative 2016 piccolo
Saranno miei obiettivi far emergere le notevoli eccellenze locali presenti nell’artigianato , fiore all’occhiello per decenni sia nella produzione tessile che nelle creazioni di molteplici manufatti che hanno reso esteticamente bella la nostra cittadina; coinvolgere imprenditori , operai e forze lavoro emergenti per ottimizzare i costi di gestione delle singole aziende attraverso acquisti collettivi di strumenti di lavoro e di mezzi adeguati alle necessità imprenditoriali; incrementare il turismo di qualità, forti delle bellezze architettoniche e naturali possedute dalla nostra città, migliorare l’accoglienza , far conoscere i prodotti locali attraverso l’arte culinaria e manifatturiera , valorizzare le masserie fortificate inglobandole nell’offerta turistica, creando percorsi tipici che contemplino le nostre eccellenze territoriali. Aiutando i piccoli si facilita la ridistribuzione della ricchezza e la conseguente crescita cittadina attraverso il benessere collettivo. Per portare avanti questi programmi ho bisogno del sostegno forte e motivato di ognuno di voi per poter credere che un progetto alternativo al feudalesimo locale sia possibile da realizzare. Dopo una scelta sbagliata, un favore non ricevuto o la vendita della propria dignità per trenta denari è inutile piangere sulle azioni compiute ed i cattivi risultati ottenuti. Tutti noi siamo padroni ed artefici del nostro futuro le scelte operate da ognuno di noi scriveranno le parole definitive nel libro del destino.
Aladino Aloisi
Candidato Riprendiamoci Nardò
Alleanza Per Il Cambiamento
Con Pippi Mellone Sindaco

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus