Cronaca, Lecce: calci e pugni contro un automobilista. Denunciato un brindisino

Nel pomeriggio del 21 gennaio scorso un cinquantacinquenne si presentava in Questura a Lecce per denunciare di essere stato brutalmente aggredito da una persona sconosciuta, che alcune ore prima gli aveva procurato delle lesioni gravi giudicate guaribili in 30 giorni.
Mentre era alla guida della propria auto in via Nicolì, era stato avvicinato da una Smart tanto che gli specchietti retrovisori delle due auto si sfioravano, senza tuttavia che ne scaturissero dei danni.
Subito dopo , per motivi a lui incomprensibili, l’autista della Smart lo aveva seguito e dopo aver parcheggiato l’auto gli si avvicinava colpendolo con calci e pugni su tutto il corpo fino a farlo cadere per terra, dove, ormai indifeso, veniva ancora colpito con calci dall’aggressore il quale, rivolgendosi ad una ragazza che viaggiava con quest’ultimo a bordo della Smart, scesa dall’auto gli chiedeva di andare a prendere un coltello dalla macchina.
Successivamente i due si  allontanavano dalla persona aggredita dirigendosi verso la Smart, ma subito l’uomo ritornava dall’aggredito per minacciarlo verbalmente, intimandogli di ricordarsi bene la sua faccia, dopodiché si allontanava.
Nonostante fosse ferito e barcollante, l’aggredito riusciva a rilevare la targa della Smart e si recava al Pronto Soccorso del “Vito Fazzi”, dove gli veniva riscontrata una “FRATTURA CHIUSA DELLE OSSA NASALI, FRATTURA PARCELLARE OSSA NASALI PROPRIE, FRATTURA SPINA NASALE, FLC CUTE PIRAMIDE NASALE, CONTUSIONE MANO DESTRA”.

 

 A seguito della denuncia, venivano effettuate da personale della sezione Volanti le prime ed immediate indagini finalizzate all’individuazione del responsabile.
Purtroppo la targa rilevata dal denunciante era errata poiché risultava abbinata ad una Fiat Grande Punto . Attraverso una serie di combinazioni effettuate cambiando le lettere della sigla  alfanumerica, si trovava una targa molto simile a quella indicata, abbinata proprio ad una Smart.
Risalendo in tal modo all’intestatario, i poliziotti della Sezione volanti hanno verificato che quest’ultimo era persona nota alle Forze di Polizia ed era stato fotosegnalato per C.P.M. brindisino del’91
Il denunciante, invitato per un riconoscimento, confermava senza ombra di dubbio che la persona verso la quale erano state dirette le indagini era l’aggressore.
Al fine di raccogliere ulteriori elementi di prova, i poliziotti hanno verificato nella zona dove vi era stata l’aggressione la presenza di telecamere, acquisendo un filmato che riprende con una certa nitidezza il passaggio della Smart dalla quale scende l’aggressore che si scaglia con calci e pugni contro un uomo indifeso facendolo cadere per terra ed in quel momento una ragazza  avvicinatasi alla persona per terra sferra anche lei dei calci.
Alla luce degli accertamenti portati a termine e considerata la trascorsa flagranza C.P.M. è stato denunciato all’autorità giudiziaria per lesioni gravi.
28 gennaio 2016

 

 

Scrivi un commento

L'e-mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati sono obbligatori. *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

CulturiaChannel.it

Storia, Cultura e Tradizione, offerta turistica ed enogastronomica. Eventi, imprese ed artigianato locale.
CulturiaChannel promuove le manifestaizoni legate all'Arte, alla Cultura, alla Musica, al Teatro, alla Danza, all'Architettura, con particolare riguardo verso storie di vita popolare, la Tradizione, il Culto e le manifestazioni locali, per incentivare tutto cio che appartiene alla nostra memoria storica, al nostro folklore.

Indici di Borsa Mondiali

Investing.com Italia
Save the Children Italia Onlus